Connect with us

Per Lei Combattiamo

Giorgio Magnocavallo ricorda Fiorini: “Avevamo bisogno di lui come il pane, era troppo più forte di tutti gli altri”

Published

on

 


Oggi, nel giorno in cui ricorre la scomparsa di Giuliano Fiorini, indimenticabile bomber biancoceleste, venuto a mancare il 5 agosto del 2005, l’ex compagno ai tempi della Lazio Giorgio Magnocavallo, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel per ricordare Fiorini e il periodo dei -9: “Quando sono arrivato alla Lazio c’era Chinaglia come Presidente, nell’estate del 1985 venne allestita una squadra che poteva vincere il campionato. Conoscevo Giuliano Fiorini ancor prima di approdare in biancoceleste perché insieme avevamo fatto il percorso nei Settori Giovanili, io nell’Inter e lui nel Bologna, così come compagni nelle Nazionali.

Prima il bomber era un attaccante di livello semplicemente andando in doppia cifra, ora diversi giocatori segnano oltre 30 reti a stagione, il calcio è cambiato tanto non essendoci più la marcatura asfissiante a uomo.

Per fare gol devi avere una certa personalità: devi essere sveglio e smaliziato, Giuliano era così. L’unico rammarico è quello di essere arrivati alla Lazio in un momento delicato per la Società ma la gente, lo stadio, c’è sempre stato accanto. L’anno dei -9 eravamo distrutti, quando ci siamo salvati contro il Campobasso eravamo in lacrime. Non ricordo mai un boato simile dell’Olimpico come al gol di Fiorini contro il Vicenza.

Il segreto di quella stagione è stato il gruppo che si era creato: ogni sera eravamo fuori insieme con le nostre famiglie. Siamo sempre stati molto uniti. Avevamo bisogno come il pane di Fiorini, Magnocavallo era sostituibile. Mister Fascetti è riuscito veramente a far rendere tutti al massimo. Al tempo stesso, senza invidia e rancore, posso dichiarare che Giuliano aveva avuto un trattamento diverso ma non poteva essere altrimenti, era troppo più forte di tutti gli altri”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

CdS| La difesa perde pezzi: Casale out

Published

on

 


foto Fraioli

La sosta per le Nazionali ha lasciato in casa Lazio un problema non indifferente: una difesa smembrata con mancanza di alternative. Infatti, gli unici difensori con cui ha potuto lavorare Sarri in questa settimana sono stati Romagnoli, Kamenovic e Radu. Gli altri divisi tra le Nazionali e chi è ai box. A questi ultimi si è aggiunto anche Casale, che ne avrà per circa 20 giorni dopo il problema all’adduttore confermato dalla società con un comunicato. La sostituzione arrivata al 57esimo contro la Cremonese causa infortunio è dunque spiegata: potrebbe rientrare dopo la trasferta contro lo Sturm Graz, ma è ancora tutto da vedere.

 

foto Fraioli

 

Tra gli infortunati anche Patric, il quale è stato sostituito da Gila al 78esimo contro la Cremonese e per tutta la settimana ha svolto lavoro in palestra. Presente nella sgambata di venerdì, non dovrebbe essere a rischio per la prossima giornata. Lazzari sta inoltre recuperando da uno stiramento e dovrebbe farcela per la trasferta contro la Fiorentina del prossimo 10 ottobre. Sarri ha concesso 48 ore di riposo: si tornerà in campo a Formello martedì in attesa del ritorno dei nazionali.

 

Il Corriere dello Sport 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW