Connect with us

Per Lei Combattiamo

CorSera | Ritmi bassi, poca grinta: la Lazio chiude male il 2022 contro l’Almeria

Published

on

 


Ritmi bassi e poca determinazione. La Lazio chiude il 2022 perdendo in amichevole contro l’Almeria, quattordicesima nel campionato spagnolo. I biancocelesti soccombono a causa dei gol di Touré (in collaborazione con Patric) e Ramazani, rispettivamente al 36’ e al 46’, ma non hanno mai dato la sensazione di affrontare la partita con lo spirito giusto. La prova generale, prima della ripresa del campionato (la squadra di Maurizio Sarri giocherà il 4 gennaio contro il Lecce in campionato), ha confermato che, per quanto in questa stagione siano stati assimilati i dettami tattici dell’allenatore, basta poco per perdere il bandolo della matassa. Un po’ come è successo in Europa League contro il Midtylland (in occasione della gara persa 5-1) e in campionato contro la Salernitana (sconfitta interna per 3-1) oltre che nel finale di gara con la Sampdoria (che raggiunse il pareggio). La Lazio dimostra di doverci essere sempre con la testa per non incappare in brutte figure. Quando la squadra approccia le partite con arroganza e superficialità, ne esce con le ossa rotte. Non rassicura in tal proposito la prestazione di Provedel, che dopo un’ottima prima parte di stagione appare per la prima volta in calo. Nelle prime giornate di campionato aveva commesso qualche sporadico errore (come sul gol di Lautaro Martinez contro l’Inter), trasmettendo però grande sicurezza a tutta la squadra, guidando costantemente la difesa, uscendo sempre tempestivamente quando necessario e anche con parate importanti. Contro la Juve, nell’ultima gara prima della sosta, ha qualche responsabilità su due dei tre gol segnati dai bianconeri ma anche con il Galatasaray nella prima delle tre amichevoli invernali e ieri con l’Almeria è sembrato improvvisamente insicuro (non ha invece giocato nella sfida con l’Hatayspor). Ieri, sul gol del 2-0 degli spagnoli, si è fatto sorprendere da una conclusione che non sembrava per nulla imparabile. L’unica nota positiva della gara contro l’Almeria, nella quale Sarri ha dovuto fare a meno degli indisponibili Hysaj (problema al polpaccio), Zaccagni (influenzato) e Casale (impegnato in uno stage voluto dal ct Mancini), è rappresentata da Milinkovic, che ha giocato tutto il secondo tempo. Il minutaggio, rispetto all’ultima amichevole giocata contro l’Hatayaspor, è già aumentato, segno che il problema alla caviglia (dovuto ai pestoni rimediati ai Mondiali) è gestibile. Fra due mercoledì, contro il Lecce, dovrebbe essere in grado di tornare a giocare dall’inizio. Per il resto, però, la Lazio ha fatto vedere troppo poco. E questo in fase sia offensiva (confusionaria) che difensiva (instabile). Poco hanno fatto le seconde linee, benché enttrate a pochi minuti dalla fine e a gara indirizzata: Luka Romero e Cancellieri (entrambi in campo dal 75’) dovrebbero sfruttare queste occasioni proprio per mettersi in mostra, dando una scossa. Si sono invece adeguati al piattume della squadra. Che nella prova generale in vista di Lecce non ha giocato come vuole il suo allenatore. Corriere della Sera/Elmar Bergonzini

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Formello

FORMELLO – Con la Juve rilancio per Lazzari, Patric e Vecino. In attacco torna Immobile

Published

on

 


Novanta minuti da dentro o fuori. L’avversario è al momento indecifrabile per cui sarà una partita tutta da giocare domani sera contro la Juventus. Non ci sarà turnover ma qualche cambio è naturale che Maurizio Sarri lo effettui per avere una squadra carica di energie nervose e mentali. Fra i pali rientra Maximiano che già ha giocato il turno precedente col Bologna. In difesa torna Lazzari sulla corsia di destra con Hysaj confermato sulla fascia mancina, un turno di riposo per Marusic che non era al 100%. In mezzo si riprende la maglia da titolare Patric dal primo minuto e farà coppia con Romagnoli, favorito su Casale. A centrocampo uno dei big partirà dalla panchina, dalle prove di oggi sembra poter toccare a Milinkovic con Vecino quindi che si muoverebbe alla destra di Danilo Cataldi e con Luis Alberto a completare il reparto. Davanti non ci sono dubbi sulla fascia e la maglia a Ciro Immobile, i venti minuti di domenica hanno dato segnali confortanti. Il numero 17 quindi guiderà l’attacco con Felipe Anderson a destra e uno fra Pedro e Zaccagni a sinistra. E’ un ballottaggio aperto con lo spagnolo in leggero vantaggio sull’ex Verona uscito acciaccato dalla sfida contro la Fiorentina.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW