Connect with us

Per Lei Combattiamo

Giornata della Memoria, Lazio e Roma in visita al Liceo Russell

Published

on

 


In occasione della Giornata della Memoria, la Società Sportiva Lazio porta avanti il progetto “16 ottobre”, intrapreso assieme alla A.S. Roma, con il patrocinio della Regione Lazio e della Comunità Ebraica di Roma

Questa mattina, infatti, Società Sportiva Lazio, AS Roma e Comunità Ebraica, hanno fatto visita ad un liceo della Capitale, Bertrand Russell, per far conoscere agli studenti le storie di atleti, tecnici e dirigenti di entrambe le società che hanno subìto sulla propria pelle le Leggi Razziali.

Per l’occasione, è stato distribuito un fumetto intitolato “16 ottobre”, patrocinato dalla Regione Lazio, che racconta gli atti di eroismo di chi si oppose a quelle Leggi, oltre alle vicende di chi rimase tragicamente vittima delle deportazioni e trovò la morte nei campi di concentramento.

Il fumetto sarà disponibile anche online sulle piattaforme ufficiali di Fondazione S.S. Lazio 1900 e A.S. Roma.

La potenza e la bellezza di questo fumetto – le parole di Gabriella Bascelli, Presidente della Fondazione S.S. Lazio 1900 – è quella di far immedesimare immediatamente i più giovani nelle vicende dei propri beniamini. Sono morti in maniera atroce, ingiusta e incomprensibile i nostri atleti, i nostri fratelli, i nostri concittadini, i nostri compagni di squadra, i ragazzi e le ragazze per cui abbiamo tifato, tifiamo e tiferemo. Con questo progetto, la nostra volontà non è dire ai ragazzi più giovani “Ricorda chi erano”, ma ricorda chi erano per decidere chi essere nella tua vita. Ricorda per scegliere i valori dell’onore, del rispetto e della fratellanza o quelli della vigliaccheria e dell’inumanità. I valori dello sport sono sempre in antitesi rispetto a ogni tipo di violenza e a ogni tipo di discriminazione. Un Ente Morale come la Lazio ha il dovere di ricordarlo sempre e in ogni luogo”.

Il progetto proseguirà nel corso del 2023 con vari incontri nelle scuole medie e superiori della Capitale, fino a concludersi il prossimo 16 ottobre, che coincide con l’ottantesimo anniversario dell’inizio della deportazione degli ebrei romani, quando verrà organizzata una visita nei luoghi della memoria con una rappresentanza degli studenti delle scuole coinvolte.

Con il Progetto 16 ottobre abbiamo voluto onorare non solo la memoria dei cittadini romani che hanno subito le Leggi Razziali prima e la deportazione poi, ma anche tutti gli atleti, gli allenatori e i dirigenti ebrei di Roma e Lazio che sono stati travolti da quella vergognosa pagina del ‘900”, ha dichiarato Francesco Pastorella, Community Relations Department Director dell’A.S. Roma.Le tavole che oggi presentiamo agli studenti auspichiamo che risultino uno strumento immediato ed efficace per generazioni di ragazzi chiamati al dovere di ricordare e tramandare quei tragici eventi”.

Il senso di questo progetto – ha dichiarato Ruben Della Rocca vicepresidente della Comunità Ebraica di Roma – è quello di indicare ai giovani la via giusta per infrangere il mito del tifo violento che purtroppo rischia di prendere il sopravvento, come dimostrano episodi recenti di cronaca che nulla hanno a che fare con lo sport ed il sano tifo calcistico sostituendolo con elementi di coesione  e rispetto di ogni persona di qualsiasi etnia, colore o credo religioso,elementi che in questo caso sono testimoniati da quanti si sono battuti anche a prezzo della vita per cercare di salvare gli atleti travolti dalle leggi razziste del 38’. È questo il messaggio positivo che vogliamo trasmettere ai giovani delle nostre scuole”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Mancini sulla mancata convocazione di Zaccagni: “Motivazioni più che valide”

Published

on

 


Alla luce della splendida stagione disputata sin qui da Mattia Zaccagni, sia in termini di continuità che dal punto di vista realizzativo, più di qualcuno ha storto il naso davanti all’ennesima esclusione dell’esterno biancoceleste dalle convocazioni azzurre di Roberto Mancini. Proprio in virtù delle polemiche in merito alla faccenda, il commissario tecnico azzurro ha spiegato l’assenza di Zaccagni e Zaniolo a margine di un evento benefico a Roma: “La loro assenza? Tutti parlano senza sapere nulla ma ci sono delle motivazioni più che valide. La porta però è aperta a tutti. Sono stati convocati giocatori che non venivano chiamati da tempo, e questo dimostra che tutti possono tornare in Nazionale. E se lo meritano rientreranno”.

Fraioli


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW