Anche il capitano della Lazio, Ciro Immobile, ha fatto parte dell'evento “Diario di un sogno”. Al termine di esso, l'attaccante biancoceleste è intervenuto ai microfoni di LSC per omaggiare la Lazio del 74' e commentare la vittoria contro l'Empoli. Ecco il suo intervento

Ciro Immobile fa un riferimento su Chinaglia

Ho cambiato tante maglie, le custodisco per i tanti figli che ho e gliele farò vedere ma questa, di Chinaglia, la custodirò in maniera particolare perché è un regalo bellissimo. So quanto lui ha dato per questa maglia e vorrei che la gente si ricordasse di me come oggi si sta ricordando di lui

Ciro Immobile sulla Lazio del 74' e sullo stadio biancoceleste

Ci sono state tante squadre vincenti nella storia della Lazio, ma questa era molto sentimentale. Io lo sono e i tifosi se ne sono accorti subito, fin dall’inizio è stato amore a prima vista. Che effetto mi ha fatto stringere la mano agli eroi dl ’74? Tutti eravamo emozionati, volevamo dare qualcosa in più perché gli eroi del ’74 meritavano di festeggiare benissimo il cinquantesimo anniversario dello scudetto. Con un pareggio o una sconfitta non sarebbe stato lo stesso e quindi abbiamo dato tutti qualcosa in più per onorare la storia. La Lazio merita uno stadio tutto suo che si riempie con i nostri colori ogni domenica. Ho visto tante famiglie. È bello, al di là di onorare quello che è stato nella storia era bello finire per noi la stagione con la nostra gente. Abbiamo preso un po’ di gente indirettamente anche grazie a loro. Quanto mi ha colpito il nuovo gruppo? Io credo molto, quando si parla col cuore e col rispetto penso che il messaggio sia stato bellissimo, di valori e di crescita e di gente che vuole vedere la Lazio sempre al massimo. Anche i miei compagni l’hanno presa come uno stimolo nuovo da cui ripartire anche la prossima stagione

Onorato a LSC: "Ho visto il progetto dello stadio della Lazio, vi dico che..."
37° SERIE A | LIVE INTER-LAZIO
  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 

 

Powered by Slyvi