Attraverso una nota, Nando Bonessio, Consigliere dell’Alleanza Verdi-Sinistra e Presidente della Commissione Sport del Comune di Roma, ha voluto andare contro l’ex Lazio Stefano Radu che avrebbe indossato una felpa inneggiante al nazismo. Il tutto, mentre si trovava in Curva Nord durante il derby tra Roma e Lazio. 

Questa la sua nota:

L'ex giocatore professionista Radu si presenta allo stadio Olimpico con una felpa dai chiari riferimenti nazisti: il Questore gli notifichi subito il DASPO.*
Roma - 07 aprile 2024 - E' stato semplicemente vergognoso il comportamento tenuto dall'ex giocatore laziale Ștefan Daniel Radu (classe 1986), che ieri per assistere al derby della stracittadina romana, si è presentato allo Stadio Olimpico indossando una felpa nella quale sono evidenti due S stampate nella grafia tipica del nazismo, anteposte alla scritta Lazio. Non è la prima volta che Radu compie gesti inneggianti all'antisemitismo e al nazismo: nel 2013 salutò ripetutamente gli ultrà della Lazio della Curva Nord con il saluto romano. Dove erano i sempre severi addetti alla sicurezza dello Stadio, pronti a sequestrare striscioni, bandiere o oggetti pericolosi: non si sono accorti della scritta stampata sulla maglia di Radu?  Inqualificabile che nessun dirigente della Lazio lo abbia invitato a togliersi quella felpa marchiata con un simbolo nazista. Questa ostentazione di simbologia fascista e nazista nelle curve degli stadi italiani deve cessare. Questi gesti rappresentano un`offesa alla Costituzione antifascista della nostra Repubblica e a tutti i cittadini. Gli atleti e il mondo dello sport devono dare l`esempio, gli sportivi, compresi gli ex atleti, devono avere comportamenti corretti perché sono osservati da milioni di cittadini/spettatori soprattutto adolescenti. Invece l'immagine da ieri circola vorticosamente ed è esaltata su tutti i social senza che nessuna autorità l'abbia condannata apertamente. Come Presidente della Commissione Sport di Roma Capitale chiedo che la Lazio Calcio, la Lega di serie A, il CONI e la FIGC chiedano immediatamente al Questore di Roma l'applicazione del DASPO nei confronti di Ștefan Daniel Radu. Il Divieto di accedere a manifestazioni sportive (DASPO) preventivo come prevede l'art. 6, comma 1, L. n. 401/1989 che è una misura di prevenzione che il Questore può disporre nei confronti di un soggetto “pericoloso” come è diventato Radu. Si tratta di una misura finalizzata a contrastare la violenza negli stadi che deve essere applicata immediatamente senza indugi.
Così in una nota Nando Bonessio Consigliere Comunale dell'Alleanza Verdi-Sinistra e Presidente della Commissione Sport di Roma Capitale.

Serie A | La Juventus batte la Fiorentina. Cade l'Atalanta a Cagliari, vince il Napoli, solo un pari per il Bologna
Tennis, Berrettini vince gli Atp 250: trionfo al torneo di Marrakech
  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 

 

Powered by Slyvi