In seguito a una fase turbolenta conclusasi con l'addio di Maurizio Sarri alla guida tecnica, il ritorno al successo per la Lazio è arrivato con una vittoria cruciale nella sfida contro il Frosinone. Tre punti che rappresentano una boccata d'ossigeno per i biancocelesti, nonostante la posizione in classifica resti al di sotto delle aspettative: il club capitolino si trova infatti al nono posto con un totale di 43 punti, a 11 punti di distanza dal Bologna, quarto in classifica, e a 8 punti dal quinto posto occupato dalla Roma, posizione che potrebbe aprire le porte alla partecipazione alla prossima Champions League. Con Igor Tudor al timone, la squadra capitolina punta a ritrovare la stabilità in difesa perduta di recente e a imporre uno stile di gioco efficace, tenendo conto anche dell'importanza degli aspetti mentali e del riacquisire entusiasmo. Tra le figure chiave per la risalita della Lazio, emerge indiscutibilmente Luis Alberto, riconosciuto come uno dei centrocampisti più talentuosi del panorama calcistico nazionale e internazionale.

Dal punto di vista statistico, negli ultimi sette anni (a partire dalla stagione 2017-2018), solo Kevin De Bruyne (con 79 assist) e Joshua Kimmich (con 62 assist) hanno superato Luis Alberto (con 58 assist) nel conteggio degli assist tra i centrocampisti nei principali cinque campionati europei, secondo i dati forniti da OptaPaolo. Questo enfatizza il ruolo vitale che lo spagnolo svolge non solo nel finalizzare le azioni ma anche nel costruire il gioco. Sotto la guida di Sarri, il calciatore spagnolo ha elevato il suo contributo anche nella fase difensiva, diventando un elemento completo a centrocampo. Il suo impatto è stato decisivo anche nell'ultima partita contro il Frosinone, dove ha registrato il suo sesto assist della stagione, portando la Lazio in vantaggio.

Lo spagnolo ha mantenuto una performance costante durante il suo periodo con la Lazio, dimostrato non solo dalle stagioni eccezionali del 2017-2018 (11 reti e 14 assist) e del 2019-2020 (6 reti e 16 assist), ma anche da un apporto notevole nelle altre stagioni. Quest'anno, ha messo a segno 4 gol e 6 assist, mentre l'anno scorso ha contribuito con 6 reti e 7 assist. Le sue prestazioni non si sono fermate qui: nella stagione 2020-2021 ha totalizzato 9 reti e 2 assist e nell'annata successiva 5 reti e 11 assist. La sua influenza sul campo è dunque evidente, specie in considerazione della partenza di Milinkovic-Savic nel corso dell'estate.

Biancocelesti in nazionale, il calendario degli appuntamenti
Rocchi, l'agente: "È stato vicino alla panchina della Lazio"
  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 

 

Powered by Slyvi