Come riportato da La RepubblicaClaudio Lotito, nel lungo podcast “Zero titoli” dei “The Journalai” ha raccontato i dettagli del diverbio con Mourinho avvenuto nella pancia dell’Olimpico alla fine della stracittadina del 19 marzo scorso: «Ho solo chiarito i ruoli, che nella vita vanno rispettati. È successo che c’era un giocatore della Roma completamente nudo nel corridoio davanti agli spogliatoi. La partita era Lazio-Roma, quindi eravamo a casa nostra. Questo giocatore inveiva contro uno della Lazio, mi sono fermato per capire cosa stesse accadendo, è uscito Mourinho e mi ha detto: “Che c...o ti guardi?”. Io gli ho risposto: “Scusi? Scusi? Io sono il presidente Lotito, porta rispetto! Tu sei un dipendente e sei un ospite!».

fraioli

«A quel punto è intervenuto anche il giocatore nudo (gli chiedono se fosse Mancini, lui annuisce sorridendo, ndr), gli ho detto che avrei chiamato la Procura federale e sono scappati». La morale lotitiana del retroscena: «Quando si invita una persona a casa propria, quella persona si deve comportare secondo le regole della casa».

Domani sera sarà una sfida speciale per Luis Alberto, che torna nella sua Spagna da avversario e con un tabù da infrangere: non ha mai segnato in Champions League. Lo condiziona anche il solito problema fisico che ogni tanto lo tormenta e che ha imparato a gestire, ma domani e contro l’Inter – nell’altra grande partita di una settimana da brividi – vuole tornare a fare la differenza. Degli altri tre spagnoli in rosa, Gila sarà titolare e Pedro è in ballottaggio con Felipe Anderson: in forte dubbio invece Patric, bloccato dalla febbre.

Il Messaggero | Una notte da mago in patria
Leggo | Immobile o Castellanos davanti. Ma Sarri ha il rebus della difesa
  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 

 

Powered by Slyvi