Thomas Hitzlsperger, che ha vestito la maglia della Lazio per 6 mesi nel 2010 con cui ha disputato sei gare e segnato un gol, ai microfoni della Bild, uno dei principali quotidiani tedeschi, ha rilasciato un'intervista sul tema dell'omosessualità e sul coming out nel calcio. Il centrocampista tedesco infatti, aspettò il termine della sua carriera professionistica per fare coming out, come consigliato dal suo stesso avvocato, ma oggi afferma che avrebbe voluto farlo prima.

Ecco il suo intervento completo ai microfoni della Bild:

"Voglio che sia chiaro agli altri che un'esperienza come questa non è necessariamente così brutta come si potrebbe pensare. Ero preoccupato di come sarebbe cambiata la mia vita a seguito di questo passo. Ma mi sono reso conto che questo era quasi del tutto infondato. Ecco perché da allora ho voluto incoraggiare gli altri".

"Avevo bisogno di tempo per gestire con sufficiente sicurezza le attenzioni che si sarebbero riversate su di me. Non è che non mi sarebbe piaciuto farlo prima. Ero curioso sapere come sarebbe stato tornare negli spogliatoi o scendere in campo per la prima volta. Chissà cosa sarebbe successo se avessi seguito il mio primo impulso nel 2012, quando il mio avvocato mi ha sconsigliato di fare coming out... ".

"Il mio bilancio degli ultimi dieci anni non è negativo. La diversità sta ricevendo sempre più molta più attenzione e dibattito pubblico. In Bundesliga e Zweite Bundesliga, quasi ogni club ha almeno un fan club gay e lesbico. Non si può davvero negare il progresso. Quindi sembra che i gay temano generalmente l'esclusione e la discriminazione nella nostra società, non solo nel calcio professionistico".

Lazio-Bayern| Ecco tutte le iniziative per i tifosi nel pre-partita del match
Sven-Goran Eriksson guiderà il Liverpool nella partita tra leggende contro l'Ajax
  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 

 

Powered by Slyvi