Tre anni dopo l'ultima promozione, il Venezia ritorna in Serie A. Sotto la guida di Paolo Vanoli, la squadra ha trionfato nel decisivo incontro notturno al Penzo contro una sempre temibile Cremonese, riscattandosi per quello che era stato perso nell'ultima giornata della stagione regolare a favore del Como.

Il primo tempo è stato teso e combattuto, non particolarmente spettacolare, ma comprensibile data l'importanza del match. Al termine del primo tempo, Venezia si è trovata in vantaggio grazie a un gol di Christian Gytkjaer al 24', con un assist di Gianluca Busio. Nonostante ciò, la Cremonese ha mostrato segni di vitalità, a tratti superando i padroni di casa, con Vazquez che orchestrava il gioco e la coppia d'attacco che creava difficoltà senza fornire punti fermi. Tuttavia, il dato che Sernicola sia stato il più attivo nel tentativo di segnare evidenzia una mancanza di concretezza nell'area decisiva.

Nel secondo tempo, il gioco si è fatto ancora più teso, con il focus spostato più sui nervi che sullo spettacolo. La Cremonese ha cercato di ribaltare il risultato con tentativi di Castagnetti e il subentrato Falletti, ma è risultato insufficiente per ribaltare il vantaggio di un Venezia che aveva due possibilità su tre di mantenere il risultato favorevole.

Tudor-Lazio, previsto a breve contatto diretto: i temi centrali da discutere
Ecco il sostituito in Nazionale dopo l'infortunio di Scalvini - IL COMUNICATO
  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 

 

Powered by Slyvi