In una bella intervista rilasciata a Il Messaggero, Delio Rossi ha raccontato così il derby di Roma:

Che derby sarà? C'è una squadra favorita? 

Posso dire che è l'unica partita che sfugge a qualsiasi pronostico. Qui si parla di questo match sei mesi prima e sei mesi dopo.

É sempre stato cosi?

Quando sono arrivato alla Lazio non mi è stato chiesto se sapessi allenare, ma se mi ricordassi che ci sono due derby.

All0ra diciamo così: chi è più in difficoltà?

Stanno vivendo la stessa situazione: un allenatore che è qui da tre anni, campagne acquisti importanti soprattutto quelle dei giallorossi, ma sia Roma che Lazio al momento sono al di sotto delle aspettative. Non vedo una più in difficoltà dell'altra. Ma chi vince svolta, non vale solo tre punti.

Chi lo decide?

A me il derby ha insegnato una cosa: di solito escono quei calciatori che non sono pronosticati. Penso ad esempio a Gottardi. Ma se dovessi dire qualcuno allora dico Lukaku, Dybala, oppure Immobile o Luis Alberto.

Come si prepara un derby?

Era l'unica partita che io non preparavo. C'è adrenalina, il sangue scorre forte nelle vene, Sarri e Mourinho devono essere bravi ad abbassare la tensione.

E loro non hanno nemmeno parlato in conferenza.

Sentono questa partita, anche se devo dire che il 98% delle cose che diciamo in quei giorni è aria fritta, le solite. In questo momento sei sempre sotto i riflettori, non c'è nemmeno bisogno di parlare. Noi in quella settimana aprivamo le porte agli allenamenti.

In fondo il derby è un qualcosa che appartiene anche ai tifosi.

La gente vive per questa partita ed è giusto dargli la possibilità di sentirsi partecipe. Adesso è tutto blindato, sembra che si faccia fisica quantistica. Comunque è una sconfitta per tutti.

Alla fine, il suo derby più bello?

Quello del 3-2 con gol di Behrami contro la Roma di Spalletti. Non c'è stato nemmeno il tempo di mettere il pallone in mezzo. Noi eravamo sempre sfavoriti, è stato bellissimo.

ESCLUSIVA| Lazio-Roma, Maurizio Mattioli: "Una partita su cui non puoi fare ragionamenti, Luis Alberto mi piace molto. Sarri e Mourinho..."
Il Tempo | Stefano Fiore: "Appena esci dallo spogliatoio ti rendi conto del clima e anche chi è più freddo non rimane indifferente".
  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 

 

Powered by Slyvi