Al termine della sfida tra Udinese e Lazio, che ha visto vincere i biancocelesti per 1-2, ai microfoni di Dazn è intervenuto l'uomo che ha deciso la sfida, ovvero Matias Vecino. Queste le dichiarazioni del centrocampista della Lazio:

"Vittoria importantissima, sapevamo che l'Udinese è una squadra tosta, fisica che mette in difficoltà tutti, lo ha fatto anche con noi. L'importante è che abbiamo vinto e continuiamo con questa striscia di vittorie.

Io quando sono in campo cerco di fare il mio meglio e sfruttare le mie caratteristiche. Oggi è andata bene, ma ora pensiamo a mercoledì che abbiamo un'altra bella partita. Oggi eravamo concentrati solo su questa partita perché in campionato siamo più indietro. Ovviamente questa vittoria ci da più fiducia per quello che verrà, ma la strada è ancora lunga, dobbiamo continuare così.

Non abbiamo cambiato tantissimi giocatori, è normale che quando arrivano giocatori nuovi hanno bisogno un po' di tempo. Li sto vedendo sempre meglio ognuno di loro, si impegnano al massimo per dare una mano che è quello che conta".

Successivamente, Vecino ha parlato anche ai microfoni di Lazio Style Radio: “Sapevamo fosse complesso, campo difficile, sono contento, continuiamo a lavorare così. Non è facile entrare dalla panchina, ma l’importante è fare il meglio possibile per la squadra poi se arriva il gol sono felice.

La mia attitudine nell’essere efficace nel finale è sicuramente dovuta alla mia conoscenza dei compagni di squadra e le loro caratteristiche. Bisogna adattarsi a quello che la partita richiede, oggi palle lunghe, palle sporche e il campo era in brutte condizioni.

Mercoledì ci sarà un’altra battaglia e lo sappiamo, eravamo un po' in ritardo in campionato dobbiamo recuperare ora pensiamo al derby”.

PAGELLE - Prima da biliardo per Pellegrini, Vecino gol per la Champions. Mamma mia che Rovella
MOVIOLA| Gara molto fisica a Udine con ben 8 ammonizioni e qualche principio di rissa, nel complesso diretta in modo sicuro dall'arbitro
  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 

 

Powered by Slyvi